Hugo Pratt: da Genova ai Mari del Sud

Aggiornamento: 4 mar

Una mostra di grande interesse presso Palazzo Ducale a Genova

“Quando ho voglia di rilassarmi leggo un saggio di Engels. Se invece desidero impegnarmi leggo Corto Maltese” Umberto Eco

Un'altra delle interessanti mostre tematiche del Palazzo Ducale di Genova ci porta nel mondo di Hugo Pratt, che molti conoscono per i suoi straordinari fumetti ma che in effetti è stato un artista a tutto tondo.


La sua vita è stata già un'avventura di suo: nato a Rimini ma cittadino veneziano a tutti gli effetti, Pratt (vero nome: Ugo Eugenio Prat, 1927-1995) ha trascorso l'adolescenza nell'Africa coloniale insieme al padre militare, si è spostato in Argentina negli anni '50 per poi tornare a Venezia passando da Milano, Genova, Parigi, Losanna.

Con la sua passione per il viaggio e l'avventura, ha fatto navigare per i sette mari il suo personaggio più famoso, Corto Maltese, e noi con lui. Ma Pratt ha creato altri personaggi e serie improntati alla scoperta di mondi lontani ed esotici: Gli Scorpioni del deserto, Wheeling, Cato Zulu, Saint Exupéry, Anna nella giungla, L'ultimo volo, fino a Morgan, l'ultima avventura che si conclude a Venezia, l'amatissima patria del cuore.


La mostra ci delizia con 200 tavole originali: storyboard, schizzi, studi di personaggi, moltissimi dei quali sono acquerelli di straordinaria fattura.


Naturalmente il mare è presente, né poteva essere altrimenti: fin dalla prima mitica avventura di Corto Maltese, Una ballata del mare salato, Pratt ha portato il suo personaggio più noto e amato nei Caraibi, in Asia, Normandia, Inghilterra, Africa, sempre con il suo vestito da marinaio e la sua consumata disinvoltura da avventuriero. Una parola che lo stesso Pratt ha restituito alla sua dignità originale: "L'avventuriero è sempre visto come uno che non ha le carte in regola, un emarginato, uno così... invece non è vero, perché l'avventura vuol dire avvenire, vuol dire quello che succederà domani."

Una mostra piena di sorprese, allestita in modo originale e tale da suscitare la curiosità del visitatore: quella curiosità che era la cifra di Pratt, che infatti disse: "Vorrei che le mie storie creassero delle immagini che fossero come dei segni e spingessero quindi a una maggiore curiosità. Una piccola curiosità che apre le porte di un mondo sconosciuto."


La mostra è aperta sino al 20 marzo 2022.

Non perdetevela! Tutti i dettagli nel sito di Palazzo Ducale Genova: https://palazzoducale.genova.it/mostra/hugo-pratt-da-genova-ai-mari-del-sud/

Vi segnaliamo inoltre il ricchissimo shop che trovate a fine esposizione: album e raccolte dei magnifici racconti di un narratore di storie unico nel suo genere.

Leggi anche l'articolo sulla mostra di Monet, sempre a Palazzo Ducale Genova




50 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Jeremy Irons