top of page

Il varo della Queen Ann

Aggiornamento: 12 feb 2023

Un varo è sempre un momento emozionante.

Lega Navale di Castellammare 11.30, sabato 20 gennaio 2023


Si è festeggiato il varo del troncone prodiero della Queen Anne, una nave da 600 milioni di dollari. Commissionata dalla Cunard Line, è stata costruita per metà nello stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia ed è ora diretta allo stabilimento di Monfalcone per essere rifinita e consegnata agli armatori.


Un varo tecnico, perché a scendere in mare è stata metà nave. Emozione e applausi, il suono gioioso delle sirene delle altre navi e delle campane si è sentito in molti quartieri di Castellammare e la bottiglia di champagne si è infranta sulla prua, mentre lo scafo scivolava lentamente in mare. È festa per l'evento che si rinnova.


Se si presta attenzione a quando inizia il varo, lungo l'impavesata sono legati due cavi di acciaio a festoni. Man mano che lo scafo procede verso il mare si rompono le cimette annodate a bordo e i due cavi vanno in tiro.

La loro estremità è legata a due matasse di grosse catene che la nave durante il varo trascina sulle banchine laterali. L'attrito di queste servono per frenare e fermare la nave. Lo specchio d'acqua è limitato e di fronte c'è la banchina commerciale.

Le matasse di catena si devono fermare a margine di banchina senza cadere in mare.


Io non ho mai lavorato in cantieri di costruzione navale, ma sempre in riparazione. Una volta prima di laurearmi feci uno stage a Castellammare e mi fecero studiare e determinare l'attrito di queste catene. Potete immaginare la mia emozione quando queste matassone di catene iniziarono a muoversi con gran rumore e sollevando un gran polverone si fermarono sul ciglio delle banchine!


Tra gli allegati di Dentro e fuori da Porto Palma si trova la monografia "Il varo" di Enzo De Pasquale, che tratta in dettaglio la materia, clicca QUI per il link.


111 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page